PRIMO KO STAGIONALE AL LANFRANCHI PER LE ZEBRE RUGBY, USCITE SCONFITTE 8 A 22 CONTRO I GALLESI OSPREYS

PRIMO KO STAGIONALE AL LANFRANCHI PER LE ZEBRE RUGBY, USCITE SCONFITTE 8 A 22 CONTRO I GALLESI OSPREYS

Parma (Italia) – 29 Settembre 2018

Guinness PRO14 2018/19, Round 5

Zebre Rugby Club Vs Ospreys  8-22 (p.t. 3-16)

Marcatori: 3’ cp S. Davies (0-3); 13’ m Morgan tr S. Davies (0-10); 29’ drop S. Davies (0-13); 36’ cp Canna (3-13); 40’ cp S. Davies (3-16); s.t. 55’ cp S. Davies (3-19); 71’ m Tuivaiti (8-19); 75’ cp S. Davies (8-22)

Zebre Rugby Club: Padovani, Bellini, Boni, Castello (cap), Di Giulio (11’ s.t. Brummer), Canna, Palazzani (22’ s.t. Violi), Licata, Meyer, Tuivaiti, Tauyavuca (25’ s.t. Krumov), Sisi, Chistolini (17’ s.t. Zilocchi), Fabiani (22’ s.t. Ceciliani), Lovotti (22’ s.t. Rimpelli) (Non entrati: Bisegni, Ortis) All. Bradley

Ospreys: Evans D., North, Thomas (62’ Allen), Watkin, Morgan, Davies S., Davies A. (68’ Habberfield, 79’ Hook), King, Tipuric (cap), Lydiate (68’ Cracknell), Beard (60’ Cross), Davies B., Fia (55’ Botha), Otten (51’ Baldwin), Smith (62’ Jones); All. Clarke

Arbitro: Frank Murphy (Irish Rugby Football Union)

Assistenti: Eddie Hogan-O’Connell (Irish Rugby Football Union) e Vincenzo Schipani (Federazione Italiana Rugby)

TMO: Alan Falzone (Federazione Italiana Rugby)

Calciatori: Sam Davies (Ospresy) 5/5, drop 1/1; Carlo Canna (Zebre Rugby Club) 1/2

Man of the match: Aled Davies (Ospreys)

Punti in classifica:  Zebre Rugby Club 0, Ospreys 4

Note: Cielo sereno. Temperatura 26°. Terreno in ottime condizioni. 3000 spettatori.

Commento: Due vittorie casalinghe e due ko in trasferta proiettano le Zebre Rugby al quinto posto della Conference A a quota 10 punti, tanti quanti quelli del Munster quarto. Rivali dei bianconeri quest’oggi allo Stadio Lanfranchi di Parma sono gli Ospreys, secondi nello stesso girone a 13 punti, dopo tre successi ed una sconfitta in quest’avvio di stagione. L’ultimo precedente tra le squadre si è disputato il 21 Aprile 2018 a Parma nel recupero del 17° turno di Guinness PRO14 ed è stata una vittoria per Castello e compagni (37-14) che sperano di poter mantenere inalterato il record di imbattibilità casalinga, in vigore dallo scorso 25 Febbraio e da allora continuativamente preservato, grazie ai quattro trionfi consecutivi giunti di fronte ai propri tifosi. Comincia come di consueto in salita la gara delle Zebre Rugby, sotto di 3 a 0 già al 3’ sul piazzato di S. Davies. Nel corso della prima frazione di gioco gli Ospreys fanno valere la loro maggior esperienza nelle fasi statiche e nel breakdown, stroncando sul nascere ogni tentativo d’assalto di Castello e compagni e incamerando punti in ogni modo: con una meta segnata da Morgan al 13’, con un drop di Davies al 29’ e nuovamente dalla piazzola con il numero 10 azzurro al 40’. L’unico squillo offensivo dei bianconeri è un calcio di punizione convertito da Carlo Canna al 36’. Nella ripresa l’inerzia della partita non cambia, facendosi al contrario ancor più asfissiante per i padroni di casa che scontano la maggior competenza dei Britannici in mischia chiusa ed in touche. Gli Ospreys vanno a punti solamente in due occasioni, entrambe dalla piazzola e sempre con Sam Davies (autore di 17 dei 22 punti complessivamente totalizzati dalla sua compagine). Al 71’ una meta di Tuivaiti riaccende le speranze dei bianconeri, ma il poco tempo a disposizione è tiranno e le Zebre chiuderanno la propria gara senza riuscire a strappare il punto di bonus difensivo, pagando alcune discutibili scelte tattiche compiute nel primo tempo.

Cronaca: Partono forti gli Ospreys che recuperano l’ovale sul’errore di handling delle Zebre. La difesa dei bianconeri tiene botta sui propri 22, concedendo però due penalità ai rivali. Alla seconda infrazione, Davies opta per i pali e al 3’ incamera i primi 3 punti per i suoi colori. Una touche rubata al 5’ accende la prima azione offensiva di Castello e compagni; Palazzani calcia nella profondità, andando a trovare una rimessa nei 5 metri degli avversari. Davies libera al piede, ma le Zebre rimangono in attacco. Un doppio turnover e la palla è ancora in mano ai bianconeri. Palazzani esplora nuovamente la profondità al piede, inchiodando al 7’ i Gallesi nei loro 10 metri, i quali però si salvano su un fallo commesso dai padroni di casa in maul. Provano a monopolizzare il territorio gli Ospreys che intorno al 10’ inchiodano Castello e compagni nei loro 22. I mark chiamati da Padovani prima e da Canna poi permettono alla franchigia allenata da coach Bradley di respirare, ma i Gallesi rimangono padroni del possesso. Da una mischia chiusa al 13’ Davies prova ad impensierire la retroguardia italiana con un grubber. Bellini fa buona guardia, portando però l’ovale dentro l’area di meta e concedendo una mischia ai rivali sui 5 metri. Si stacca King, ma a segnare sarà nel prosieguo dell’azione Luke Morgan. Davies completa il gioco da 7 punti e al 14’ il parziale dice Zebre 0, Ospreys 10. Chance nuovamente di andare a punti per le Zebre Rugby quando al 18’ un’infrazione in ruck fa perdere metri agli Azzurri di Swansea. Il lancio di Fabiani è buono, i bianconeri provano a sfruttare il vantaggio, perdendo però il possesso dell’ovale nei 10 metri, dopo il buon riciclo di Bellini per Padovani. Si salvano gli Ospreys che ricacciano il XV del Nord Ovest nei loro 22. Padovani ferma tutto, chiamando ancora una volta il mark, senza però guadagnare troppo terreno. Al 22’ è mischia per gli Ospreys sui 5 metri dei padroni di casa, costretti ad inseguire il rimbalzo dell’ovale su un passaggio impreciso di Di Giulio. Dopo una decina di fasi Canna prova ad andare all’intercetto, perdendo però l’ovale il avanti ed è nuovamente mischia per gli avversari sui 10 metri. Questa volta la difesa di Castello e compagni è disciplinata, forzando un turnover in ruck. Il piede di Canna porta i suoi poco oltre i 22 offensivi. Al 27’ un ulteriore tenuto a terra viene battuto velocemente da Canna che prova a sorprendere la retroguardia gallese, facendosi però derubare dell’ovale. Al 30’ Morgan innescato da un turnover sul breakdown prova a scappare, involandosi verso l’area di meta. L’intervento in extremis di Palazzani salva tutto, portando l’ala gallese lungo l’out di sinistra. I Britannici rubano la touche e costruiscono per la marcatura pesante, ma dopo tre fasi si cullano sui 3 punti concessi dal drop di Davies. Le Zebre non ci stanno e al 35’ provano a rettificare il punteggio da una touche offensiva. Gli Ospreys difendono la propria area di meta, concedendo però un comodo piazzato a Canna che accorcia a 10 lunghezze di distanza lo score di gara. Prima della fine del primo tempo c’è ancora tempo per un’ultima azione offensiva per i Gallesi che trovano una touche nei 22 metri del XV del Nord Ovest. I bianconeri rubano momentaneamente l’ovale, commettendo però una penalità nel punto d’incontro. A tempo scaduto Davies allunga ancora una volta sul + 13, firmando il 3 a 16 per i suoi colori.

Nessun cambio per le Zebre Rugby che danno avvio al proprio secondo tempo col drop di Carlo Canna. Gli Ospreys si rifugiano in touche, lucrando però sull’in-avanti commesso dopo il lancio di Fabiani. Al 43’ Di Giulio viene testato in ricezione, tenendo vivo il possesso prima di venir sospinto in rimessa laterale. L’azione però sfuma e i Britannici ripartono da una mischia ordinata. Davies prova ad inventare al piede, la retroguardia bianconera non si fa sorprendere, perdendo però l’ovale in ruck ed è nuovamente mischia per gli ospiti. Battono di seconda gli Ospreys, ma dopo una decina di fasi il XV del Nord Ovest si rimpadronisce del pallone. Castello calcia nella profondità incustodita e Padovani interviene su Evans, ma Bellini viene pescato in fuorigioco sul pallone scoppiato dall’estremo rivale. Al 50’ è ancora monopolio territoriale dei Gallesi che dopo aver vinto l’ennesima battaglia in mischia chiusa si portano al piede nei 22 rivali. Canna tenta l’intercetto, commettendo però in-avanti ed è ancora una volta mischia con introduzione a favore dei Britannici. Watkin buca la difesa dei padroni di casa, Palazzani salva i suoi da meta fatta, ma i Gallesi allungano sul 3 a 19 dalla piazzola col solito Davies, che punisce un fuorigioco commesso da Castello. Al 57’ un placcatore azzurro che non rotola via concede a Canna l’opportunità di portare i suoi in rimessa laterale nei 10 metri, ma i bianconeri sciupano nuovamente la chance offensiva. Gli Ospyres rifiatano al piede, consolidando un considerevole 73 % di monopolio territoriale quando siamo al 58’. Due minuti più tardi arriva il primo fallo a favore in mischia chiusa per il XV del Nord Ovest. Castello suona la carica e Palazzani detta ritmo ai suoi, ma Zilocchi scivola nel momento della ricezione, commettendo in-avanti. Ospreys nei 22 dei padroni di casa al 63’ dopo aver effettuato un doppio cambio. Spingono I Gallesi, portandosi nei 5 metri bianconeri, che salgono però aggressivamente forzando un in-avanti sul placcaggio avanzante di Licata. Ennesimo turnover in mischia chiusa per gli Azzurri di Swansea che commettono però un ulteriore in-avanti al 66’. Questa volta ingaggiano anticipatamente gli Ospreys e il neoentrato Violi può liberare al piede, ma le Zebre faticano ad uscire dalla propria metà campo. Canna prova a costruire al piede, Bellini è impreciso in ricezione, ma Evans svirgola nella liberazione e i bianconeri vanno a strappare una preziosa rimessa laterale nei 10 metri offensivi. Fa strada la maul del XV del Nord Ovest che arriva fino in fondo con Jimmy Tuivaiti. Il calcio di Canna è impreciso e si resta sull’8 a 19 per gli ospiti. Al 74’ gli Ospreys strappano il loro terzo fallo in mischia chiusa giunto nel secondo tempo, punendo la prima linea bianconera dalla piazzola con Davies. Le Zebre provano a chiudere la loro partita in attacco, rendendosi minacciose al 78’. Forte del vantaggio, Violi calcia per Boni, ma Evans annulla tutto in area di meta. I bianconeri insistono, scontando però l’imprecisione in trasmissione e i Britannici risalgono palla in mano sino all’altezza della metà campo. Nell’ultimo minuto di gioco Canna si appoggia in rimessa laterale nei 22 rivali, ma l’azione sfuma e Tipuric calcia fuori per il fischio finale.

Le Zebre si ritroveranno lunedì 1 Ottobre 2018 alla Cittadella del Rugby di Parma in vista del 6° turno di Guinness PRO14, in programma sabato 6 Ottobre al Scotstoun Stadium di Glasgow contro gli Scozzesi Warriors.

Nessun commento finora.

Leave a Reply

Puoi usare questi tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e le condizioni sulla privacy*.
Accetti la memorizzazione dei tuoi dati?

Top

Privacy Preference Center

STATISTICHE

_ga,_gid,_gat

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagisc ono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

GDPR

gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types]

GDPR Utilizziamo questi cookie per abilitare o disabilitare la posssibilità di essere profilati dai cookie stessi, questi cookie fanno parte del plugin studiato appositamente per rispettare la normativa vigente GDPR dal 25/05/2018

MARKETING

NID,r/collect

Set di Cookie per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.