MICHAEL BRADLEY GUARDA CON FIDUCIA AL FUTURO DELLE ZEBRE RUGBY: IL DOMANI COMINCIA GIÀ DAL DOPPIO DERBY COL BENETTON RUGBY

“NON SARANNO DUE PARTITE SOFT: LE ZEBRE VOGLIONO VINCERE E I LEONI NON SONO CERTO INTENZIONATI A PERDERE!”

Michael Bradley sta per completare la sua terza stagione da capo allenatore delle Zebre Rugby. Una stagione monca causa pandemia che riprenderà, chiudendosi al contempo, con i due derby d’Italia, il primo a Treviso il 21, il secondo a Parma il 30, che porteranno il totale a 14 partite anziché le classiche 21.

Il coach irlandese ha vissuto qui, lontano dai suoi famigliari, non toccati dal Covid-19, il lungo periodo di chiusura. «E’ stato un po’ difficile essere lontani, non certo il momento ideale, con l’Italia che è stata la prima in Europa ad affrontare il Covid per cui all’inizio c’erano problemi, nel sapere, nell’affrontarlo; poi è stata presa d’esempio, anche dall’Irlanda. Devo dire che il sistema sanitario italiano è molto buono. A Parma ho visto molta disciplina durante il lockdown. C’è stato spirito di comunità, anche con i volontari. E’ stato ammirevole e positivo».

A Parma rimarrà ancora un paio d’anni, di tanto è stato prolungato il suo contratto, il che significherà l’esperienza da allenatore più longeva dopo quella col Connacht: «Sì. Sono contento di proseguire il lavoro che stiamo facendo. Ho avuto due ottimi assistenti come Troncon e Orlandi e ora ne ho due altrettanto ottimi come Roselli e Moretti. Siamo nella direzione giusta: migliorate skills e consapevolezza».

Michael Bradley alle Zebre Rugby ha già cambiato mentalità, maggiormente propositiva e positiva, e lo stile e la qualità di gioco, strappa applausi la stagione 2017/18, la migliore in assoluto; tassello ulteriore, qualche vittoria in più: «Sì, certo, però è un processo: i tasselli dobbiamo metterli sul campo. Abbiamo un tipo di gioco veloce e la chiave è muovere il pallone velocemente; calciare è un’opzione d’attacco, non per liberare e basta. Dobbiamo riuscire ad adeguarci ancor meglio alla struttura difensiva avversaria nel corso della partita, così diventeremo una squadra ancor più pericolosa e capace di vincere contro chiunque. Ho parlato con il ct dell’Italia Franco Smith del nostro percorso, del nostro sviluppo e concorda».

Zebre e Benetton hanno potuto riprendere il 18 maggio con la parte atletica e soltanto da un paio di settimane hanno potuto ricominciare con il contatto: basterà per arrivare veramente preparati al rientro in campo o vedremo due partite un poco più “soft”? «Non credo saranno più soft – garantisce coach Michael Bradley –. Le Zebre Rugby vogliono tornare a vincere contro di loro e loro non vogliono perdere contro di noi. Non cambierà nulla. Sarà soltanto un po’ più difficile per i giocatori perché sarebbero servite ancora un paio di settimane di allenamento col contatto».

Poi si penserà alla prossima stagione, sempre che tutto vada come si spera, anche se non è semplice immaginare il futuro a breve in un torneo con così tante nazioni dentro: «Qualche preoccupazione c’è, ovviamente. La salute viene al primo posto, non ci piove. l protocolli sono molto rigidi. Vedremo, anche in relazione agli sviluppi del virus, le cure e l’eventuale vaccino».

Intervista di Paolo Mulazzi pubblicata sulla Gazzetta di Parma venerdì 7 agosto 2020

Nessun commento finora.

Inserisci un commento

Puoi usare questi tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e le condizioni sulla privacy*.
Accetti la memorizzazione dei tuoi dati?
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Top

Privacy Preference Center

STATISTICHE

_ga,_gid,_gat

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagisc ono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

GDPR

gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types]

GDPR Utilizziamo questi cookie per abilitare o disabilitare la posssibilità di essere profilati dai cookie stessi, questi cookie fanno parte del plugin studiato appositamente per rispettare la normativa vigente GDPR dal 25/05/2018

MARKETING

NID,r/collect

Set di Cookie per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.