LO ZEBRE RUGBY CLUB SUPERA IL BENETTON NELL’AMICHEVOLE DI TREVISO

LO ZEBRE RUGBY CLUB SUPERA IL BENETTON NELL’AMICHEVOLE DI TREVISO

Treviso, Stadio Monigo – 25 Agosto 2017

Gara amichevole

Benetton Treviso Vs Zebre Rugby Club 0-7 (p.t. 0-7)

Marcatori: 17‘ m Bisegni tr Canna (0-7);

Benetton Treviso: McKinley, Esposito, Benvenuti, Hayward, Buondonno, Allan, Tebaldi; Manu, Barbini, Douglas, Budd (cap), Negri, Ferrari, Makelara, Zani (Entrati a gara in corso: Bigi, Traoré, Pasquali, Ruzza, Lazzaroni, Gori, Sgarbi Banks, Brex, De Marchi, Minto, Bronzini G., Sperandio) All.Crowley

Zebre Rugby Club: Minozzi (1’ s.t. Gaffney), Bisegni (1’ s.t. Bruno), Bellini (1’ s.t. Boni), Castello (cap) (1’ s.t. Afamasaga), Venditti (38’ Di Giulio), Canna (1’ s.t. Bordoli, 29’ s.t. Canna), Violi (1’ s.t. Palazzani, 32’ s.t. Panunzi); Sisi (22’ s.t. Biagi), Giammarioli (31’ Sarto J.), Minnie (1’ s.t. Giammarioli), Biagi (1’ s.t. Bernabò) Krumov (1’ s.t. Licata), Chistolini (31’ Tenga, 16’ s.t. Iacob), Fabiani (1’ s.t. D’Apice), Lovotti (31’ De Marchi An., 16’ s.t. Rimpelli) (Entrati a gara in corso: D’Apice, De Marchi An., Rimpelli, Iacob, Tenga, Bernabò, Sarto J., Licata, Afamasaga, Boni, Bordoli, Bruno, Di Giulio, Gaffney. Palazzani, Panunzi) All.Bradley

Arbitro: Vincenzo Schipani (Federazione Italiana Rugby)

Assistenti: Matteo Franchi e Alex Frasson (entrambi Federazione Italiana Rugby)

Calciatori: Canna (Zebre Rugby) 1/1,

Note: Cielo sereno. Temperatura 29° .Terreno in buone condizioni. Spettatori 3600 circa

Commento: Prima amichevole pre-stagionale per lo Zebre Rugby Club che questa sera è sceso in campo a Treviso nella sfida contro l’altra formazione italiana del Guinness PRO14. Ad una settimana dall’esordio nel torneo i bianconeri hanno affrontato i biancoverdi nella terza gara amichevole della storia tra le due formazioni. La franchigia federale si è presentata a Monigo dovendo fare a meno di alcuni atleti infortunati ma potendo contare su tanti giocatori giunti a Parma durante l’ultima estate e cinque permit players tesserati coi club del massimo campionato italiano Eccellenza. 31 gli atleti in lista gara selezionati da coach Bradley; l’irlandese ex coach di Connacht, Edinburgh e nazionali d’Irlanda e Georgia all’esordio assoluto su una panchina italiana questa sera. Partono subito bene Castello e compagni che da subito giocano molto alla mano trovando l’indisciplina dei padroni di casa sul punto d’incontro. Molto ispirato il beneventano Canna che prima trova un break quasi decisivo, poi al 17° inventa il calcio al largo che porta alla meta di Bisegni trasformata dallo stesso numero 10, 25 anni oggi. Risponde il Benetton che entra nei 22 per la prima volta a metà primo tempo con la difesa bianconera che concede tre falli consecutivi. Budd decide per giocare altrettante mischie ai 5 metri che non portano però punti al tabellino dei padroni di casa. Le Zebre faticano col possesso in rimessa laterale, non sfruttando una buona occasione al 35° prima di subire il contrattacco di Buondonno fermato ai 5 metri. Un intercetto di Biagi potrebbe portare pericoli alla difesa trevigiana a fine tempo, Venditti è però fermato sulla metà campo. L’azione costa casa all’ala della nazionale italiana costretta a lasciare il campo in barella soccorso dallo staff medico bianconero poco prima dell’intervallo. La ripresa inizia con 10 cambi nelle Zebre con il Benetton che coglie un altro importante fallo nei 22 zebrati ma non avanza in mischia ordinata ai 5 metri. Il gioco è molto più spezzettato e vive di folate, come quella dell’irlandese Gaffney che dimostra le sue qualità di corsa risalendo metà campo per i bianconeri. Cresce la fiducia delle Zebre che difendono con ordine e pungono con un’altra bella azione alla mano a dieci dal termine. Una rimessa storta di Bigi sui 22 sembra chiudere le speranze dei padroni di casa al 75° col piede di Canna che mette pressione al termine di un’altra azione d’attacco. E’ però Bronzini con un break a provare a dare linfa ai 3500 del Monigo ma Bruno è decisivo nel fermare l’azione avversaria. Al fischio finale è così la franchigia federale a poter esultare per questa prima vittoria di misura in amichevole nei tre precedenti.

Cronaca: Dopo il primo positivo ingaggio –da stasera con le nuove regole World Rugby- il primo attacco è delle Zebre ma avanza la difesa di casa e, dopo alcune fasi, Canna mette pressione al piede. Treviso risponde ma un errore di trasmissione fa sfumare una superiorità al largo destro. Il primo fallo arriva al 6° in mischia contro il XV del Nord-Ovest: la touche biancoverde non produce pericoli alla difesa ospite. Ci provano alla mano le Zebre al 9°: dopo alcuni punti d’incontro c’è il fallo dei sostegni del Benetton con Violi poi placcato entro i 10 metri. La rimessa nei 22 di Fabiani è però controllata da Douglas col Benetton che così risale. Al 11° Castello e compagni giocano ancora alla mano, facendo già intravedere la filosofia del gioco impartita dal nuovo staff tecnico: altro fallo sul punto d’incontro a favore. La seconda touche è controllata con Krumov che varca la linea dei 22 servendo Minozzi. E’ Canna a contrattaccare bucando un placcaggio; il beneventano è fermato ai tre metri. La battaglia sulla linea di meta è chiusa con il quarto fallo biancoverde sul punto d’incontro al 15°. Lo sforzo offensivo si chiude con la prima meta della gara: Il calcetto al largo destro di Canna è raccolto da Bisegni che segna alla bandierina. La difficile trasformazione è realizzata da Canna, 25 anni oggi per il beneventano. Risponde subito il Benetton che entra nei 22 al 20°: Budd però persta la linea ai 10 metri ma Treviso recupera il possesso. Un in avanti della difesa bianconera costringe l’arbitro Schipani a decretare una mischia ai 5 metri. Tiene la difesa delle Zebre che concede il fallo: Budd decide per la mischia ai 5 metri. Dopo poche fasi anche Allan prova a giocare al piede un vantaggio ma Esposito non controlla l’ovale al largo destro. Il terzo ingaggio trevigiano vede il Benetton perdere poi l’ovale recuperato sotto i pali da Venditti che libera la minaccia. Sul punto d’incontro soffrono le Zebre che pareggiano così il conto dei falli al 27°: la rimessa di Makelara è però rubata. Attacca Treviso con Canna che per poco non intercetta la trasmissione di Allan sulla metà campo: mischia Benetton ma arriva il fallo poco dopo a favore dei bianconeri che trovano la rimessa in attacco col piede di Minozzi; la touche è però persa. Al 35° bella azione del Benetton che sfrutta l’ampiezza del campo per avanzare: Buondonno è fermato nei 22 con Biagi poi abile ad intercettare un passaggio. Veloce ribaltamento di fronte con Castello, Canna e Venditti fermati sulla metà campo. L’ala di Avezzano rimane a terra soccorso dallo staff medico bianconero mentre un placcaggio pericoloso costa la rimessa nei 22 alle Zebre. Il gioco riprende con l’ingresso di Di Giulio ed un quasi intercetto di Canna che frutta una mischia sui 15 metri. L’ultima azione del primo tempo si chiude con un in avanti di Bronzini che pasticcia in ruck.

La ripresa si apre con 10 cambi bianconeri prima che un fuorigioco trevigiano dia a Bordoli la possibilità di trovare una touche sui 22. Dopo il lancio di D’Apice non avanza il pack ospite che commette in avanti. L’azione si sposta sull’altro fronte con il Benetton pericoloso vicino alla meta: arriva il primo fallo della difesa bianconera con Budd che prosegue a chiamare mischia ordinata. Un errore di trasmissione dell’ovale frutta a Gaffney la possibilità di contrattaccare: il giovane irlandese delle Zebre è però fermato a metà campo. Quando scocca l’ora di gioco, in una ripresa molto spezzettata, dopo un fuorigioco zebrato il Benetton attacca alla mano. Giammarioli è pescato con un placcaggio alto che porta Bigi a giocare una touche sui 5 metri. L’azione è ben difesa da Biagi e compagni che liberano al piede il possesso recuperato. Treviso è costretto a chiudere due azioni d’attacco al piede a cavallo del 67°, entrambe ben controllate dal triangolo arretrato bianconero. Attacco rabbioso dei padroni di casa che però è fermato a causa di un velo biancoverde. Il XV del Nord-Ovest gioca bene alla mano a dieci dal termine avanzando e costringendo Treviso alla difesa in fuorigioco ma senza sfruttare l’occasione d’attacco seguente. Al 74° Treviso sfrutta il nono fallo delle Zebre per riportarsi nei 22 ma la rimessa di Bigi è storta. Emozioni per i supporters bianconeri dopo una splendida azione alla mano in avanzamento ben orchestrata da Canna, Afamasaga e Boni fermata dai trevigiani sui 22. Dopo la mischia il piede di Canna mette pressione al Benetton, il grubber trova la rimessa ai 5 metri. Bronzini infiamma Monigo al 78° recuperando una pericolosa azione delle Zebre e bucando un placcaggio: bene però Bruno da ultimo difensore a fermare il viadanese coadiuvato da Gaffney. Le Zebre controllano una loro rimessa nei 22 ad un minuto dal termine e giocano raccogli e vai trovando il fallo del Benetton che sancisce la vittoria in trasferta dello Zebre Rugby Club.

Le dichiarazioni dell’head coach dello Zebre Rugby Club Michael Bradley al termine del match :”Ovviamente è sempre meglio vincere ma è solo una gara di pre-season. Siamo contenti degli elementi tecnici che ci hanno portato a vincere questa sera. Bene la difesa, la disciplina e la velocità d’esecuzione: aspetti sui quali abbiamo lavorato. I negativi sono i 3 o 4 falli troppo generosi. Il nostro attacco ha avuto difficoltà: dobbiamo lavorare meglio nella prossima settimana. Di certo è stata una buona vittoria per il club. Tutti i 31giocatori hanno giocato: ringrazio i club dell’eccellenza per averci concesso diversi atleti che hanno fatto davvero bene questa sera. Per la gara contro gli Ospreys di sabato prossimo abbiamo dimostrato di avere la giusta concentrazione ed approccio. Abbiamo fatto molto lavoro sugli elementi della difesa, dobbiamo cambiare il nostro approccio in difesa quest’anno: oggi è stato un buon inizio. In attacco dobbiamo essere più allargati sul campo: ci siamo trovati spesso troppo concentrati in una stessa zona. Una gara non è abbastanza per giudicare la squadra, ma abbiamo appreso oggi molte cose e soprattutto dove dover lavorare nel futuro. Nella zona centrale del campo abbiamo performato bene, nei 22 avversari meno. Dobbiamo imparare ad essere più pazienti in attacco: ripeto oggi è stato positivo venire qui a Treviso e sviluppare bene molti elementi del nostro piano di gioco. Abbiamo strutture definite in attacco ma i giocatori hanno anche il permesso di giocare ed esprimersi a loro piacere. Spesso nel primo tempo abbiamo dovuto giocare con una difesa di Treviso molto aggressiva che ci ha dato poco tempo per sviluppare il nostro gioco al meglio. Abbiamo ottimi giocatori che stanno lavorando in un ambiente positivo che ci porterà a fare buoni risultati“.

Le parole del capitano dei bianconeri Tommaso Castello :”Ci siamo detti prima della gara di sviluppare il piano di gioco sviluppando l’attitudine e la voglia di giocare che sono state più che positive. Ci sono stati tanti errori ma partiamo da una buona base di stasera. La difesa è stata la fase su cui ci siamo allenati meglio; penso che abbiamo giocato bene questa sera, la proporzione sulla disciplina difensiva è stata anch’essa buona. Abbiamo nuovi sistemi di gioco che cerchiamo di seguire il più possibile; ma era la prima volta che ci trovavamo in campo davanti a queste situazioni. A volte purtroppo ci siamo trovati carenti in alcune decisioni rischiando un po’ troppo. In attacco il mantenimento del possesso è stata la parte peggiore, il portatore ha magari osato troppo mentre dovevamo usare più pazienza nel sviluppare il piano di gioco. Sul breakdown invece penso che la performance sia stata positiva; l’attitudine è stata positiva e si è vista voglia di battersi. La parte caratteriale è dominante in questo sport”.

Le Zebre si ritroveranno lunedì 28 Agosto 2017 alla Cittadella del Rugby di Parma per preparare il primo turno del Guinness PRO14. Sabato 2 Settembre i bianconeri saranno di scena al Liberty Stadium di Swansea contro i gallesi Ospreys alle ore 15.30 italiane.

Nessun commento finora.

Leave a Reply

Puoi usare questi tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e le condizioni sulla privacy*.
Accetti la memorizzazione dei tuoi dati?

Top

Privacy Preference Center

STATISTICHE

_ga,_gid,_gat

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagisc ono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

GDPR

gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types]

GDPR Utilizziamo questi cookie per abilitare o disabilitare la posssibilità di essere profilati dai cookie stessi, questi cookie fanno parte del plugin studiato appositamente per rispettare la normativa vigente GDPR dal 25/05/2018

MARKETING

NID,r/collect

Set di Cookie per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.