I PILOTI DELLA FERRARI VETTEL E LECLERC A LEZIONE DI RUGBY DALLE ZEBRE

GIAPPONE AL CENTRO DEL MONDO SPORTIVO: NEL MESE DEL MONDIALE DI RUGBY QUESTO WEEKEND LA FORMULA 1 FA TAPPA A SUZUKA

Parma, 11 ottobre 2019 – I campioni della palla ovale e i piloti della Ferrari insieme in un’entusiasmante giornata di sport e motori. Lo scorso 17 aprile una delegazione di giocatori delle Zebre composta da George Biagi, Mattia Bellini, Andrea Lovotti, Samuele Ortis e Guglielmo Palazzani è stata accolta dalle due frecce della Formula 1 Sebastian Vettel e Charles Leclerc nella mitica sede del cavallino rampante di Maranello (MO).

Clicca e guarda il divertente video della giornata a Maranello

L’iniziativa, voluta dall’emittente televisiva tedesca RTV che quest’anno detiene i diritti dell’attuale edizione di Rugby World Cup e dei Gran Premi del circuito di Formula 1, è nata allo scopo di creare una campagna comunicativa congiunta in vista del GP di Suzuka che domenica 13 ottobre cadrà proprio in concomitanza dello svolgimento del Mondiale di rugby in Giappone.

Dopo un primo raduno nella hall della casa della “Rossa”, gli atleti della franchigia federale di base a Parma hanno potuto ammirare la fabbrica della Ferrari e rifarsi gli occhi al museo del cavallino rampante. A fare gli onori di casa è stato Riccardo Adami, ingegnere di pista di Sebastian Vettel, che ha gentilmente accompagno la comitiva multicolor nel suo tour.

Fiore all’occhiello dell’itinerario è stato il “Remote Garage”, il centro operativo dove l’équipe di tecnici e ingegneri ferraristi raccoglie dati e informazioni in tempo reale sulla vettura per diagnosticarne il comportamento e studiare strategie per sfruttare al massimo il potenziale della monoposto.

Al termine della visita guidata, i due team di Ferrari e Zebre si sono quindi trasferiti all’esterno della sede della Scuderia di Formula 1 dove il prato adiacente al circuito di Fiorano Modenese è stato improvvisato per l’occasione campo da rugby. In un clima di contagiosa simpatia, i piloti Vettel e Leclerc si sono cimentati in una serie di prove con la palla ovale, salendo in touche, schivando gli scudi ed affrontando col sorriso tante altre simulazioni di gioco grazie ai consigli dei cinque professionisti della franchigia di rugby che partecipa ai due tornei internazionali del Guinness PRO14 e European Rugby Challenge Cup.

A coronare la splendida giornata di formazione e divertimento non poteva mancare il gradito scambio di gadget e di capi del merchandising ufficiale tra il club multicolor e la storica scuderia fondata nel 1929. Ne è nato una sorta di gemellaggio sportivo che ha visto lo scorso 26 maggio i due trequarti Azzurri Mattia Bellini ed Edoardo Padovani come graditi ospiti nell’area hospitality dedicata ai tifosi del cavallino rampante, in occasione del Gran Premio di Montecarlo nel Principato di Monaco, paese natale del giovane ferrarista Leclerc, autore di quattro pole position consecutive nelle ultime quattro gare condite da due vittorie consecutive in Belgio nell’iconico circuito di Spa e davanti al pubblico italiano a Monza.

Nessun commento finora.

Leave a Reply

Puoi usare questi tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e le condizioni sulla privacy*.
Accetti la memorizzazione dei tuoi dati?

Top

Privacy Preference Center

STATISTICHE

_ga,_gid,_gat

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagisc ono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

GDPR

gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types]

GDPR Utilizziamo questi cookie per abilitare o disabilitare la posssibilità di essere profilati dai cookie stessi, questi cookie fanno parte del plugin studiato appositamente per rispettare la normativa vigente GDPR dal 25/05/2018

MARKETING

NID,r/collect

Set di Cookie per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.