DA GIGANTISTA DELLO SCI A ESTREMO DELLA NAZIONALE: JACOPO TRULLA VUOLE CONFERMARSI IN AZZURRO

Fa male alle dita scriverlo e agli occhi leggerlo ma, visto che parliamo di Italia-Irlanda, occorre ricordare che l’ultima vittoria casalinga degli azzurri al Sei Nazioni è datata 16 marzo 2013 e fu ottenuta proprio sugli Irish. Meno doloroso aggiungere che la novizia Italia di Franco Smith prosegue il suo percorso di crescita e sabato (ore 15.15, diretta Dmax) ne chiederà conto proprio all’Irlanda, a sua volta con l’acqua alla gola. Mai il XV del Trifoglio aveva infatti cominciato un Sei Nazioni con due sconfitte ed è quasi impossibile vincere il torneo con una simile zavorra. Quale migliore occasione per metterli sotto pressione, per continuare in quel percorso di crescita, per provare a rischiare?

Dalla bolla romana dove si preparano gli Azzurri, Jacopo Trulla, ventenne da Vicenza, docet: «Non rischiare, o comunque limitarsi a non sbagliare, ti può portare anche a subire la meta degli avversari. Ma soprattutto non ti aiuterà mai a migliorare».

Fino a poco tempo fa, Jacopo faceva i numeri con la Nazionale Under 20 senza probabilmente mai pensare a un futuro come quello che sta vivendo oggi. Lui è l’unico titolare proveniente dal Top 10 (milita nel Calvisano) anziché dalle due franchigie di Guinness PRO14 o da qualche magnanimo club straniero. E ha tutti gli occhi addosso. Il messaggio tra le righe è: «Cresci in fretta a questo livello e non farci rimpiangere troppo Minozzi», ossia l’azzurro uccel di bosco. Da par suo, Jacopo ce la sta mettendo tutta placcando anche l’ansia, «ossia il mio nemico, fa parte di me. Ma nel gruppo Azzurro mi trovo alla grande e la affronto. Cerco di riposare di più, di andare a dormire prima del solito, di prendere il mio tempo».

Più o meno il livello lo conosceva anche prima, giocando in simultanea nel massimo campionato italiano e da permit player nelle Zebre in Guinness PRO14. «Calvisano era però alle strette con i trequarti e sono andato a dare una mano. Neanche tornare in Top 10 dopo un lungo periodo trascorso da queste parti è facile né scontato».

L’anno scorso ha detto di pensare soltanto al rugby, nessun spazio per altro. «Il prossimo anno mi iscriverò però a Scienze dell’Alimentazione. Mi piacerebbe applicare la materia allo sport, perché qui la nutrizione è fondamentale. Però sia chiaro: non mi piace cucinare; anzi, se posso approfittare di qualche amico bravo ai fornelli sono tutto contento».

Ruolo di estremo preferito a quello di ala, «perché qui riesco ad avere più libertà di scelta. Devo però migliorare il gioco al piede e la difesa». In attacco occhio invece agli appoggi, ai passi a terra: «Proprio per imparare il perfetto uso degli appoggi mi ha dato una grossa mano il mio passato da gigantista nello sci. Fino a 14 anni ho praticato in contemporanea lo sci e il calcio. Poi, peraltro dopo un brutto provino per una squadra di calcio, mia madre è stata decisiva nella mia scelta. Se fosse possibile avere pubblico sugli spalti vorrei avere anzitutto mia madre».

E magari quella ragazza «non sportiva, ma che si sta abituando alla vita del rugbista» che sta facendo girare la testa a Trulla.

Faranno “girare la testa” anche gli irlandesi di Andy Farrell, gente tanto temibile da farti rimpiangere gli sci.

Intervista di Christian Marchetti a Jacopo Trulla pubblicata il 22 febbraio 2021 sul Corriere dello Sport

Nessun commento finora.

Inserisci un commento

Puoi usare questi tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e le condizioni sulla privacy*.
Accetti la memorizzazione dei tuoi dati?
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Top

Privacy Preference Center

STATISTICHE

_ga,_gid,_gat

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagisc ono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

GDPR

gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types]

GDPR Utilizziamo questi cookie per abilitare o disabilitare la posssibilità di essere profilati dai cookie stessi, questi cookie fanno parte del plugin studiato appositamente per rispettare la normativa vigente GDPR dal 25/05/2018

MARKETING

NID,r/collect

Set di Cookie per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.