CUORE E ENERGIA DA VENDERE: MAXIME MBANDA’ PLACCA IL CORONAVIRUS E SOSTIENE LA CROCE GIALLA DI PARMA

Parma, 13 marzo 2020 – Un guerriero nel rettangolo di gioco, un esempio fuori dal campo. Che Maxime Mbandà fosse un campione dello sport a 360° era già chiaro a molti. Difficile non entusiasmarsi di fronte alla dedizione con cui affronta ogni partita, impossibile non ammirare i comportamenti virtuosi che il flanker delle Zebre e della nazionale italiana promuove nella vita di tutti i giorni.

In questo periodo di difficile convivenza con l’emergenza Coronavirus, il 20 volte Azzurro ha lanciato il suo ennesimo messaggio di sostegno, prestando aiuto come volontario alla Croce Gialla di Parma, città sede della franchigia federale che proprio questa settimana ha sospeso l’attività agonistica in ottemperanza alle recenti direttive ministeriali relative al Covid-19.

Da tre giorni a questa parte il il 26enne milanese è infatti impegnato sulle ambulanze che gestiscono l’emergenza nella città ducale, riportando a casa i malati di Covid-19 dimessi dall’ospedale e accompagnando le persone che manifestano il virus al pronto soccorso.

La troupe del TG3 nazionale ha seguito l’attività di volontario di Maxime Mbandà con la Croce Gialla di Parma nel servizio andato in onda il 26 Marzo

Il tutto, nel rispetto delle misure restrittive e igieniche che il Governo Italiano ha esteso a tutto il Paese per la salvaguardia della salute e della sicurezza di ognuno di noi!

Fatti, ma anche parole (e viceversa!) – Dal suo profilo Facebook e Instagram il flanker di padre congolese ha lanciato il suo appello ai giovani di buona volontà – che non vivono con anziani o persone con malattie pregresse specifica Mbandà – e che si trovano a casa annoiati per la quarantena, a chiamare la Pubblica Assistenza Anpas della propria città, chiedendo in che modo possono essere utili per la comunità.

Il suo “modo” Max lo ha già trovato:

Le dichiarazioni di Maxime Mbandà per l’intervista di Christian Marchetti, pubblicata sul Corriere dello Sport martedì 17 marzo 2020:

«Quando una persona si trova ad affrontare un’emergenza, mette al sicuro sé stesso e la sua famiglia ma poi si chiede “Cosa posso fare per gli altri?”. Io ho fatto così e mi sono informato. Non ho competenze sanitarie, non posso salvare vite, ma volevo dare una mano. Beh, con i miei occhi ho potuto vedere che di aiuto ne serve un bel po’. La Croce Gialla cercava volontari per portare farmaci e cibo agli anziani, li ho chiamati e mi sono ritrovato catapultato in un mondo tutto nuovo, in cui hai pochi momenti per fermarti».

«Sono passato dalla maglia da rugby all’indossare tutti i dispositivi di sicurezza del caso, all’entrare in contatto con i medici e gli infermieri sottoposti a grandissimo stress. È stata una bella “botta”, ma quando torno a casa la fatica non esiste. Glielo assicuro».

Un episodio che l’ha colpita più di tutti? «Hai voglia a episodi che ti segnano, ma non credo che dimenticherò mai quell’infermiera che ho conosciuto, esausta dopo sette ore massacranti e con lo sguardo perso nel vuoto».

Altri consigli? «Nulla, se non seguire le regole che ci sono state date. Sono state scritte da persone che conoscono meglio di noi queste cose e soprattutto i rischi che si corrono».

Come si vince questa partita? «Questi non sono soltanto 80 minuti. Questa partita bisogna analizzarla azione dopo azione e stabilire degli obiettivi. Piccoli, per poi raggiungere quelli più grandi. Un lavoro graduale».

Cosa le sta insegnando tutto questo? «Che bisogna sempre essere pronti. A tutto. Che ci sono tante cose di cui ci lamentiamo e che diamo per scontate. Ma scontate non lo sono affatto, datemi retta».


Il messaggio di solidarietà di Maxime Mbandà rivolto a tutti i giovani dai microfoni di SKY SPORT 24


 

 

Nessun commento finora.

Leave a Reply

Puoi usare questi tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e le condizioni sulla privacy*.
Accetti la memorizzazione dei tuoi dati?

Top

Privacy Preference Center

STATISTICHE

_ga,_gid,_gat

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagisc ono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

GDPR

gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types]

GDPR Utilizziamo questi cookie per abilitare o disabilitare la posssibilità di essere profilati dai cookie stessi, questi cookie fanno parte del plugin studiato appositamente per rispettare la normativa vigente GDPR dal 25/05/2018

MARKETING

NID,r/collect

Set di Cookie per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.