COME CURARE LA LESIONE DEL BICIPITE BRACHIALE DISTALE? IL PARERE DEL MEDICO SPECIALISTA MAURIZIO CORRADI

Parma, 17 Ottobre 2019 – Nel Rugby sono piuttosto frequenti gli infortuni a carico dell’arto superiore. Nell’occasione ci concentreremo sugli infortuni a carico del gomito ed in particolare sulla lesione del bicipite brachiale. In un successivo articolo tratteremo invece della lesione del legamento collaterale mediale. Abbiamo per questo consultato il dottor Maurizio Corradi, Specialista in Ortopedia e Chirurgo della mano e del gomito della Casa di Cura Città di Parma.

 

 

Dottor Corradi, quali sono le lesioni più frequenti agli arti superiori per un giocatore di rugby? “Nel Rugby sono frequenti le lesioni delle parti molli ed in particolare la rottura del bicipite brachiale all’inserzione distale sul radio, la lesione dei legamenti collaterali responsabili rispettivamente della riduzione della forza e di instabilità articolare.- Spiega Corradi-  In particolare la lesione del bicipite brachiale avviene negli atleti durante la gara o negli allenamenti. Il meccanismo della rottura distale del bicipite brachiale è conseguente ad una estensione forzata con il gomito flesso a 90° e l’avambraccio posto in supinazione: posizione piuttosto comune negli atleti durante le competizioni o durante la preparazione (rinforzo muscolare)”.

Come si presenta la lesione? “La lesione si può presentare con una ecchimosi ed edema nella regione anteriore-distale del gomito con riduzione della forza di flessione e/o supinazione.- Sottolinea Corradi-  All’esame clinico è possibile apprezzare una massa nella parte prossimale del braccio chiamata “Popeye deformity” (deformità Braccio di Ferro). Inoltre la lesione completa del bicipite brachiale può essere confermata dall’esame clinico mediante l’hook test (test dell’uncino) (Fig.1 A-B).

 

Figura 1A
Figura 1B

Questo test viene eseguito con il gomito del paziente flesso a 90° e l’avambraccio posto in supinazione. L’esaminatore cerca di uncinare il tendine del bicipite brachiale nella regione anteriore del gomito con il dito flesso ad uncino da laterale a mediale. (Fig.1 A-B).

La mancanza di resistenza o l’assenza di una corda tendinea è considerato un test positivo (Fig.1C-1D), mentre la presenza di dolore provocato dal test dell’uncino è segno di una lesione parziale

Figura 1C
Figura 1D

La mancanza di resistenza o l’assenza di una corda tendinea è considerato un test positivo, mentre la presenza di dolore provocato dal test dell’uncino è segno di una lesione parziale”

Quali esami radiologici sono indicati per effettuare diagnosi? “Nonostante sia apparentemente semplice la diagnosi clinica di rottura del tendine distale del bicipite brachiale l’impiego delle immagine radiografiche è indicato – spiega Corradi-. La RM e l’ecografia sembrano essere esami affidabili nella conferma della diagnosi di lesione. La RM nonostante i costi e la non completa disponibilità riesce a valutare il tendine in piani diversi. Recentemente è stata descritta con la RM la proiezione longitudinale FABS (Flessione del gomito-Abduzione della spalla e Avambraccio supinato) pesata in T1. Gli ultrasuoni invece hanno il vantaggio di ottenere immagini dinamiche che possono essere utili nella distinzione tra lesioni complete e parziali. Tuttavia l’impiego degli ultrasuoni è limitato dallo spessore delle parti molli, rilevante negli atleti con una grossa massa muscolare”.

Quale il trattamento di questa lesione? “Il trattamento incruento o non-operatorio non sembra applicabile agli atleti che vogliono ritornare alla competizione: il trattamento non operatorio nei pazienti con la lesione completa riporta il 40% di perdita della forza di supinazione, il 20% di forza della flessione, l’86% di diminuzione della durata della supinazione e il 15% della diminuzione della forza di presa.- Evidenzia Corradi- E’ accertato che la riparazione delle lesioni acute entro 2-3 settimane evita le aderenze muscolo-tendinee che possono limitare la mobilizzazione del tendine nella sua inserzione anatomica al tubercolo del radio. Il trattamento chirurgico consiste essenzialmente nella reinserzione del tendine del bicipite brachiale sulla tuberosità radiale mediante l’impiego di 2 ancorette metalliche o di un bottone metallico”.

www.clinicacittadiparma.it

 

 

One Response

  1. Salve vorrei sapere se è ancora possibile effettuare operazione Al tendine distale del bicipite lesione avvenuta nell’inizio del 2018 avverto spesso un senso di debolezza e crampi ma mi dicono che è passsto molto tempo , potrebbe essere ancora possibile intervenire ? Vi salutò attendo risposta

Leave a Reply

Puoi usare questi tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e le condizioni sulla privacy*.
Accetti la memorizzazione dei tuoi dati?

Top

Privacy Preference Center

STATISTICHE

_ga,_gid,_gat

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagisc ono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

GDPR

gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types]

GDPR Utilizziamo questi cookie per abilitare o disabilitare la posssibilità di essere profilati dai cookie stessi, questi cookie fanno parte del plugin studiato appositamente per rispettare la normativa vigente GDPR dal 25/05/2018

MARKETING

NID,r/collect

Set di Cookie per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.