CAPITAN BISEGNI CARICA LE SUE ZEBRE PER L’ESORDIO NEL GUINNESS PRO14 2020/21 CONTRO I CARDIF BLUES

“SIAMO CONCENTRATI E ABBIAMO LAVORATO MOLTO SU QUESTA SFIDA: MI ASPETTO UNA PARTITA APERTA IN CUI ENTRAMBE LE SQUADRE VORRANNO FARE BOTTINO PIENO”

Parma, 30 settembre 2020 – A distanza di poco più di due anni dal loro ultimo incontro, Zebre e Cardiff Blues sono pronte ad affrontarsi nuovamente. Le due squadre, inserite rispettivamente nel girone A e B del Guinness PRO14, scenderanno in campo allo Stadio Lanfranchi di Parma venerdì 2 ottobre alle ore 19:00, aprendo la stagione 2020/21.

La gara sarà trasmessa in diretta su Dazn, ma sarà anche aperta ad un massimo di 1.000 spettatori. Questo lunedì il vendor ufficiale del club multicolor Ciaotickets ha aperto la vendita dei biglietti per la partita sul suo sito internet e nei suoi oltre 750 punti vendita attivi distribuiti nel territorio italiano.

Clicca e assicurati il tagliando per il 1° turno del Guinness PRO14 2020/21 tra Zebre e Cardiff Blues

Il match rappresenterà il 15° scontro ufficiale tra la formazione italiana e quella gallese, con il XV di coach Bradley a caccia del suo 5° successo di sempre sugli ospiti d’Oltremanica, sconfitti nella loro ultima discesa a Parma.

A margine dell’allenamento odierno, il capitano delle Zebre Rugby Giulio Bisegni si è fermato in sala stampa rispondendo ad alcune domande provenienti dai media ovali italiani.

Il 28enne centro frascatano -che vanta 98 apparizioni ufficiali con la franchigia federale e 16 con la maglia Azzurra- ha presentato l’imminente sfida con i Blues che, proprio come il club multicolor, sono tornati in campo ad agosto nei due turni conclusivi della stagione regolare 2019/20, senza però prendere parte alle fasi finali del torneo e della coppa europea EPCR Challenge Cup.

Clicca e guarda la videointervista esclusiva al capitano delle Zebre Rugby Giulio Bisegni

Ad inizio settembre, le Zebre sono tornate ad allenarsi dopo la conclusione della stagione 2019/20. Come sono andate queste ultime tre settimane di preparazione e su quali aspetti del vostro gioco avete maggiormente lavorato in vista della nuova stagione? “Non abbiamo voluto stravolgere il nostro dna e tutto ciò che abbiamo cercato di costruire e portare avanti in questi anni. Abbiamo voluto dare continuità al nostro lavoro offensivo, cercando di proporre un gioco che sia coinvolgente e accattivante per tutti gli 80’, prendendo anche dei rischi in alcuni frangenti della gara. Certo, sono arrivati due nuovi allenatori ed altri giocatori hanno preso il posto in rosa al posto di altri, ma complessivamente andiamo avanti, evolvendoci senza snaturarci, alzando semmai il livello dei nostri standard fisici e tecnici”.

Che Zebre dobbiamo aspettarci questo venerdì contro i Blues? “Proveremo a giocare e ad attaccare per mettere in difficoltà un avversario che lotterà per fare il bottino pieno. Verranno a Parma con molti nazionali e noi dovremo interpretare la partita nel modo giusto e gestire bene quei momenti di gioco che fanno la differenza. Non ci tireremo indietro e proporremo un rugby che possa metterli sotto pressione in attacco e in difesa, cercando di tenere la partita sempre aperta e di portare poi a casa il risultato finale”.

Come sta fisicamente la squadra? “La squadra sta bene: siamo concentrati, abbiamo lavorato molto e abbiamo avuto tempo per preparare la gara con i Cardiff Blues, per cui sicuramente vogliamo giocare secondo il nostro stile. Ci è stato richiesto qualcosina di più dal punto di vista fisico e atletico e abbiamo risposto bene allo stimolo. Mi aspetto una partita aperta in cui daremo tutto nel corso degli 80’ e venderemo cara la pelle”.

Sei a Parma dal 2014, hai collezionato sin qui 98 presenze con la maglia delle Zebre, di cui 9 da capitano. Come vivi e interpreti la leadership dello spogliatoio tu che sei cresciuto al fianco di bandiere del club come Biagi, Bortolami, Geldenhuys, Bergamasco, Garcia. “E’ stato un motivo di orgoglio cercare di apprendere da questi giocatori come gestire uno spogliatoio. Si tratta di un aspetto che non viene svolto a livello individuale: abbiamo infatti un gruppo di leader che cercare di trasmettere i valori dello staff soprattutto ai nuovi arrivati. Io personalmente cerco sempre di stare dentro le dinamiche del gruppo, di integrarmi e di far integrare soprattutto il più giovani perché penso che un atleta possa esprimersi al meglio se è apprezzato. Detto questo, logicamente, non bisogna dimenticarsi che a volte è necessario mantenere il distacco in alcuni frangenti”.

Franco Smith ha chiesto a tutti di alzare l’intensità in allenamento ed in partita. È qualcosa su cui le Zebre hanno lavorato? È un obiettivo della stagione anche per le Zebre? “Sì effettivamente anche alle Zebre stiamo cercando di alzare l’asticella dal punto di vista fisico e atletico. E’ una cosa naturale in una gestione come quella della Nazionale dove i giocatori Azzurri provengono soprattutto dalle due franchigie italiane.

Come si sono integrati in gruppo i nuovi arrivati e come si stanno adattando agli schemi di gioco? “I nuovi arrivati si sono mostrati molto disponibili al lavoro e nessuno di loro si è tirato indietro. Sono molto inseriti nel gruppo e hanno un’età molto giovane, come del resto è quella della rosa delle Zebre, squadra che fa dell’energia il suo punto di forza. Stiamo costruendo un gruppo di leader che si assuma più responsabilità affinché questi giovani possano dare il loro apporto senza ricevere troppa pressione”.

Quando a fine ottobre e a novembre un buon numero di atleti delle Zebre saranno impegnati con la Nazionale, pensi che gli altri giocatori della rosa saranno all’altezza della sfida visto il probabile poco minutaggio in queste primissime partite di PRO14? “Penso di sì! Tutti i ragazzi stanno lavorando molto bene e stanno rispondendo con molta voglia alla mole di lavoro richiesta. Recentemente abbiamo anche implementato il sistema dei permi player, per cui mi aspetto una gestione efficiente dei giocatori durante la stagione”.

Come valuti il contributo del territorio di Parma alla realtà delle Zebre? “La città di Parma ci offre l’opportunità di allenarci in un bel centro sportivo e di avere un bel seguito di tifosi. Logicamente, essendo l’Emilia Romagna una realtà di forte tradizione rugbistica, chiediamo sempre al nostro pubblico uno sforzo in più nel sostenerci perché è un fattore per noi importante, soprattutto nelle partite in casa”.

Qual è il segreto per continuare a lavorare con applicazione in un torneo che, oltre alle Zebre, annovera club storici e con tantissimi traguardi e trofei in bacheca? “Penso che ogni giocatore parta da delle motivazioni personali: diventare sempre più forte e competitivo. A questi si aggiungono poi quelle collettive e di squadra ed è lì che ci si inizia a porre degli obiettivi di medio-lungo termine. Il nostro modo di approcciare le sfide è sempre stato propositivo e abbiamo sempre messo molta energia in allenamento e in partita. Competere con club blasonati è uno stimolo in più e lo facciamo tutti con estremo piacere, confidenti che possa aiutarci a crescere”.

Nessun commento finora.

Leave a Reply

Puoi usare questi tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e le condizioni sulla privacy*.
Accetti la memorizzazione dei tuoi dati?
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Top

Privacy Preference Center

STATISTICHE

_ga,_gid,_gat

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagisc ono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

GDPR

gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types]

GDPR Utilizziamo questi cookie per abilitare o disabilitare la posssibilità di essere profilati dai cookie stessi, questi cookie fanno parte del plugin studiato appositamente per rispettare la normativa vigente GDPR dal 25/05/2018

MARKETING

NID,r/collect

Set di Cookie per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.