AL LANFRANCHI LE ZEBRE LOTTANO MA CEDONO 20-25 NEL FINALE DEL DERBY CON IL BENETTON

IL PRIMO DERBY ITALIANO DI RAINBOW CUP GIOCATO A PARMA TRA ZEBRE RUGBY CLUB E BENETTON RUGBY SI CHIUDE 20-25

Parma (Italia) – 7 maggio 2021
Guinness PRO14 Rainbow Cup, Round 2

Zebre Rugby Club Vs Benetton Rugby 20-25 (p.t. 10-10)

Marcatori: 24’ cp Pescetto (3-0); 29’ Padovani tr Garbisi (3-7); 36’ meta di punizione per le Zebre Rugby (10-7); 40’ cp Garbisi (10-10); s.t. 53’ cp Garbisi (10-13); 56’ cp Canna (13-13); 69’ Ruzza tr Garbisi (13-20); 76’ Canna tr Canna (20-20); 79’ Halafihi (20-25)

Zebre Rugby Club: Biondelli, Bruno (43’ Lucchin, 52’ Bruno), Mori, Boni (Cap), Di Giulio, Pescetto (26’ Canna), Casilio (52’ Palazzani), Giammarioli, Meyer, Leavasa (57’ Bianchi), Nagle, Sisi (57’ Krumov), Bello (58’ Nocera), Bigi (69’ Fabiani, 75’ Bigi), Fischetti (58’ Buonfiglio); All. Bradley

Benetton Rugby: Hayward, Padovani (40’ Lucchesi), Brex, Zanon, Ioane, Garbisi, Duvenage (Cap), Halafihi, Lamaro (54’ Zuliani), Favretto (40’ Nemer, 44’ Favretto, 45’ Negri), Ruzza, Cannone (44’ Herbst), Alongi (24’ Riccioni), Els (47’ Padovani, 61’ Tavuyara), Gallo (64’ Nemer); All. Crowley

Arbitro: Andrea Piardi (Federazione Italiana Rugby);
Assistenti: Manuel Bottino (Federazione Italiana Rugby) e Riccardo Angelucci (Federazione Italiana Rugby)
TMO: Stefano Roscini (Federazione Italiana Rugby)

Calciatori: Paolo Pescetto (Zebre Rugby Club) 1/1; Paolo Garbisi (Benetton Rugby) 4/5; Carlo Canna (Zebre Rugby Club) 2/2
Cartellini: 35’ cartellino giallo a Thomas Gallo (Benetton Rugby); 37’ cartellino giallo a Corniel Els (Benetton Rugby)
Player of the match: Toa Halafihi (Benetton Rugby)
Punti in classifica: Zebre Rugby Club 1, Benetton Rugby 4

CLICCA E SCOPRI LE STATISTICHE DELLA PARTITA

Note: Cielo parzialmente nuvoloso. Temperatura 19°. Terreno in ottime condizioni. Partita disputata in regime di porte chiuse al pubblico. 100esima presenza con le Zebre Rugby per Johan Meyer che diventa il decimo centurione della franchigia federale.

Commento: Nel 2° turno della Guinness PRO14 Rainbow Cup le Zebre Rugby cedono 20-25 a Parma col Benetton Rugby. Dopo aver vinto i due derby di campionato celtico a gennaio, i multicolor non riescono a collezionare il tris di successi sui Leoni che blindano di contro il momentaneo primo posto nel girone unico del torneo.

Grande equilibrio al Lanfranchi con le due squadre che rientrano negli spogliatoi sul 10-10 all’intervallo dopo una meta per parte. Nella ripresa i Leoni alzano il ritmo di gioco e inchiodano Boni e compagni nella loro metà campo, trovando al 69’ la meta del sorpasso con Ruzza. Bella partita nel finale di gara col XV di coach Bradley che risale il campo e trova la meta del pareggio con Canna. La sfida sembrerebbe chiudersi sul 20-20 ma al 79’ la marcatura di Halafihi regala la vittoria ai trevigiani.


LA CRONACA DELL’EQUILIBRATO DERBY ITALIANO DI RAINBOW CUP DEL LANFRANCHI TRA ZEBRE E BENETTON CHIUSO 20-25

Cronaca: Primi quindici minuti del match che sorridono alle Zebre, padrone delle percentuali di possesso e territorio grazie a ben quattro penalità concesse dal Benetton Rugby. I multicolor si mostrano di contro molto attenti e disciplinati nel loro gioco, ma i loro tentativi offensivi si spengono sulla solida difesa dei Leoni.

In una partita condizionata dal forte vento, il XV di coach Bradley fa fatica ad avanzare palla in mano, ma si trova comunque a giocare nella metà campo rivale approfittando dell’indisciplina degli ospiti.

Al 23’ il sesto calcio di punizione dei trevigiani offre a Paolo Pescetto la chance di incamerare i primi punti della sfida. Il n° 10 genovese centra i pali ma al 26’ è costretto ad abbandonare il campo per un duro colpo alla testa. Al suo posto entra il neocenturione della franchigia federale Carlo Canna.

I biancoverdi sono comunque in partita e alla prima occasione concreta ne approfittano per andare a punti. Al 30’ le belle mani di Duvenage e compagni lanciano in meta l’ex di turno Edoardo Padovani. Dopo aver consultato il TMO invocato dal challenge arbitrale, Andrea Piardi aggiudica la marcatura che verrà trasformata da posizione defilata da Paolo Garbisi.

Nel finale di primo le Zebre risalgono il campo e portano tanta pressione in mischia chiusa, riuscendo a strappare il loro nono calcio di punizione a favore e l’espulsione temporanea del pilone sinistro Thomas Gallo.

Boni e compagni si appoggiano in touche e vanno fino in fondo con la cassaforte avanzante. Els prova a disassare la maul ma il tentativo è illegale: il n° 2 riceverà cartellino giallo e i multicolor la meta di punizione a favore.

Il primo tempo sembrerebbe chiudersi sul 10-7 per la squadra di casa, ma nell’ultima azione di gioco i Leoni ottengono il loro primo fallo a favore che verrà convertito allo scadere dal piede di Garbisi.

Si rientra negli spogliatoi sul 10-10, con i padroni di casa forti della momentanea doppia superiorità numerica.

I primi 7’ minuti della ripresa trascorrono senza variazioni di punteggio, con le Zebre che non riescono ad approfittare del doppio cartellino giallo a favore, pur sfiorando la marcatura al 48’ con Federico Mori.

Il giovane centro Azzurro schiaccia l’ovale in area di meta sull’invenzione al piede di Canna, ma ostruisce il tentativo di salvataggio di Monty Ioane ed è nulla di fatto.

Ripristinata la parità numerica è il Benetton Rugby a marcare. Lo fa al 53’ dalla piazzola col solito Garbisi dopo l’annullamento della meta dei Leoni da parte del direttore di gara.

Al piede del giovane regista padovano risponderà però al 56’ quello di Canna che rettifica il parziale sul 13-13, punendo l’undicesima penalità dei rivali.

Negli ultimi 20 minuti del match i trevigiani salgono di colpi e schiacciano gli atleti della franchigia federale nella loro metà campo. La difesa dei multicolor regge fino al 69’ quando la carica vincente di Herbst porterà il seconda linea sudafricano a varcare la linea di meta. Da posizione centrale, Garbisi non può sbagliare e fa decollare il punteggio sul 13-20.

Le Zebre reagiscono d’orgoglio e risalgono il campo nel finale di gara, appoggiandosi in rimessa laterale dopo due calci di punizione commessi dal Benetton Rugby. Esce l’ovale e nello sviluppo dell’azione Canna trova il corridoio vincente per andare a marcare. La stessa apertura beneventana completa il gioco da 7 punti per il 20-20 quando siamo al 77’.

La partita sembrerebbe terminare in parità ma al 79’ i Leoni trovano la meta allo scadere col player of the match Toa Halafihi. Garbisi sbaglia la trasformazione, ma il primo derby italiano di Rainbow Cup tra Benetton e Zebre giocato a Parma finisce sul 20-25 col successo ospite.

Le Zebre si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma lunedì 10 maggio aprendo la settimana di allenamenti in vista del 3° turno di Guinness PRO14 Rainbow Cup, in programma sabato 15 maggio allo Stadio comunale di Monigo a Treviso contro il Benetton Rugby.

Nessun commento finora.

Inserisci un commento

Puoi usare questi tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e le condizioni sulla privacy*.
Accetti la memorizzazione dei tuoi dati?
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Top

Privacy Preference Center

STATISTICHE

_ga,_gid,_gat

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagisc ono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

GDPR

gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types]

GDPR Utilizziamo questi cookie per abilitare o disabilitare la posssibilità di essere profilati dai cookie stessi, questi cookie fanno parte del plugin studiato appositamente per rispettare la normativa vigente GDPR dal 25/05/2018

MARKETING

NID,r/collect

Set di Cookie per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.