L’ALLENATORE DEGLI AVANTI DELLE ZEBRE CARLO ORLANDI FA IL PUNTO SULLA PREPARAZIONE ESTIVA DEL PACK MULTICOLOR

L’ALLENATORE DEGLI AVANTI DELLE ZEBRE CARLO ORLANDI FA IL PUNTO SULLA PREPARAZIONE ESTIVA DEL PACK MULTICOLOR

“C’È TANTA VOGLIA, È UN PIACERE VEDERE TANTI RAGAZZI CHE VOGLIONO CRESCERE E RAGGIUNGERE UN OBIETTIVO”

Parma, 1 agosto 2019 – Continua il percorso di avvicinamento delle Zebre alla loro ottava stagione in Guinness PRO14, il prestigioso campionato internazionale al via il prossimo 28 settembre con la trasferta allo Stadio di Murrayfield in Scozia. In occasione della terza settimana di allenamenti sui campi e nelle strutture della Cittadella del Rugby di Parma, l’allenatore degli avanti della franchigia federale Carlo Orlandi ha parlato ai microfoni del sito web del club, raccontando le ultime novità riguardanti i giocatori della mischia multicolor ed il programma di lavoro che li vedrà coinvolti in questa seconda fase di preparazione estiva.

Piacentino, classe 1967, coach Orlandi è stato in passato tallonatore della Nazionale Italiana, disputando 42 gare ufficiali con gli Azzurri tra 1992 e il 2000, segnando 4 mete e sollevando anche la coppa Fira nel 1997. Cresciuto nelle file del Rugby Lyons di Piacenza, Orlandi ha successivamente indossato la maglia dell’Amatori Rugby Milano, squadra con cui nel 1996 vinse il massimo campionato italiano di rugby, del Rugby Rovigo Delta e del Piacenza Rugby, prima di chiudere la propria carriera di giocatore nel 2001 col massimo club piacentino.

Conclusa la sua attività professionistica in campo, il tallonatore Azzurro ha quindi intrapreso il proprio percorso di tecnico. Dopo due esperienze stagionali al timone delle selezioni nazionali italiane Under 19 e Under 21, Orlandi è stato dal 2003 al 2014 allenatore degli avanti della Nazionale maggiore, per poi guidare il pack degli Azzurrini tra il 2014 e il 2017 e successivamente, nel 2016, il collettivo dell’Italia Emergenti. Nel luglio 2017 arriva infine il suo passaggio in casa Zebre dove ha ritrovato l’allenatore dei trequarti Alessandro Troncon con cui aveva guidato gli Azzurrini ad uno storico piazzamento nella “top 8” ai mondiali di categoria.

Carlo quest’anno il gruppo degli avanti delle Zebre può contare su 25 tesserati, su 3 permit players ed ha conosciuto tanti nuovi innesti. L’allargamento della rosa è sicuramente un fattore positivo. Che obiettivi ti sei prefissato per la tua terza stagione a Parma? “Personali nessuno, di squadra sì. Tutti noi stiamo lavorando per raggiungere la qualificazione ai playoff del Guinness PRO14 e ai quarti di finale di Challenge Cup. Cerchiamo di lavorare al meglio per raggiungere questi due obiettivi, difficili, ma a cui crediamo”.

Con tanta competizione interna quali saranno i parametri che guideranno le scelte dello staff tecnico per selezionare di volta in volta i 23 in lista gara? “Il concetto è quello di mettere in campo la miglior squadra, per cui l’inserimento di alcuni giocatori è legato ad una strategia che per lo più resterà uguale e ruoterà intorno alla loro voglia di giocare e di mantenere la palla. E ovvio che diversi avversari permetteranno di inserire anche diverse formazioni, tenendo conto del grosso impegno che hanno alcuni giocatori che è quello di servire la Nazionale”.

Nel pack sono arrivati alcuni giocatori di comprovata esperienza internazionale come il tallonatore Bigi, il pilone romeno Tarus e le due seconde linee irlandesi Kearney e Nagle: in cosa potranno fare la differenza nel gruppo delle Zebre dentro e fuori dal campo?“La cosa più importante per il gruppo dei nostri avanti è che questi nuovi giocatori hanno portato tanta professionalità e sono stati dei virus positivi nel lavoro”.

Insieme a loro ci sono alcuni nuovi alcuni giovani che tu conosci bene quali Buonfiglio, Fischetti, Manfredi e Masselli nonché altri permit players: come li hai ritrovati dopo le esperienze nei rispettivi club e cosa dobbiamo aspettarci da loro al primo campionato di Guinness PRO14? “Alcuni di loro li abbiamo già visti la scorsa stagione come invitati, qualcuno fortunatamente ha anche accumulato un po’ di minuti con le Zebre. Quest’ultimi sono più vicini all’aspetto fisico e tecnico della nostra squadra. I nuovi innesti dovranno invece crescere fisicamente e maturare un’esperienza per essere competitivi e per essere per noi allenatori una scelta per la partita del finesettimana”.

Come valuti lo stato di forma generale degli avanti multicolor? “Ogni anno si parte sempre un po’ meglio, rimane in cascina un po’ del lavoro precedente. C’è tanta voglia, il bello di questo gruppo è che è un piacere venire qua la mattina e vedere tanti ragazzi che hanno come idea quella di crescere e raggiungere un obiettivo. Tutto quello che manca arriverà, speriamo in breve tempo ma arriverà”.

In cosa vi state preparando in queste prime settimane di allenamento? Abbiamo visto tanta tecnologia e macchinari in campo? “La tecnologia aiuta certamente, anche se non ti porta subito al risultato. Stiamo lavorando molto dal punto di vista fisico che è una costante di ogni periodo di preseason, ma rispetto all’anno scorso stiamo anche inserendo qualche aspetto tecnico in più, visto che abbiamo bisogno di crescere e visto che il gruppo è giovane, per cui dobbiamo far fare ai nuovi arrivati qualche esperienza in allenamento”.

E come cambierà la preparazione degli avanti zebrati nelle prossime settimane che ci avvicineranno alle due amichevoli di Settembre? “Pian piano si inserirà sempre più rugby, sempre più aspetti specifici del reparto degli avanti, quindi touche, mischie e tutto ciò che riguarda queste due fasi di conquista, ma l’aspetto che cambierà tanto sarà man mano inserire una forma di contatto sempre più simile a quella delle partite, arrivando pronti al contatto nelle due amichevoli contro il Benetton Rugby”.

Come influirà l’estate del Mondiale sulla stagione e sulla gestione della rosa? E ancora, dopo la settimana di pausa di Ferragosto, come procederà l’inserimento degli Azzurri che purtroppo non faranno parte dei 31 selezionati da Conor O’Shea? “Il loro inserimento sarà graduale perché sono stati molto impegnati. Quello che mi preme chiedere a questi ragazzi è di rimanere concentrati perché sarà un mondiale molto lungo e abbiamo visto (la Nuova Zelanda insegna) che la finale della Coppa del Mondo del 2011 l’ha decisa la quarta apertura (Stephen Donald), per cui anche per chi è stato inizialmente scartato si può sempre aprire una porta quando sei chiamato da Conor O’Shea”.

Chi è la squadra favorita al mondiale e quale sarà invece il pack a dettare legge in Giappone? “Il mondiale non è sempre quello che si vede nei quattro anni precedenti. Ovvio che partono favorite Nuova Zelanda, Inghilterra, Francia e Sudafrica, anche se in queste ultime due partite di Rugby Championship ho visto bene anche l’Australia che se mette a posto un paio di cose può diventare una squadra competitiva”.

Hai giocato in passato tallonatore e sei stato anche allenatore degli avanti Azzurri prima di arrivare in casa Zebre nell’estate del 2017. A livello disciplinare e tecnico, com’è cambiata la battaglia in mischia chiusa nel corso degli anni? “In mischia chiusa è cambiata un pochino perché si è sempre cercato di preservare l’incolumità dei giocatori, per cui molte regole sono state cambiate per limitare i danni in questa fase di gioco. Si è visto però che è tutto il resto che adesso è potenzialmente pericoloso, per cui c’è molta più attenzione ai falli di antigioco e ai placcaggi perché a questo livello sta veramente diventando uno sport per superman”.

In campo qui a Parma vediamo tanto fitness e tanta tecnica individuale, anche per gli avanti, sempre più protagonisti nel gioco aperto e nel gioco propositivo impostato da te, Bradley e Troncon: che tipo di Zebre dobbiamo aspettarci in questa stagione? “L’idea è quella che abbiamo cercato di impostare negli anni precedenti: un gioco in cui si predilige il mantenimento del possesso, ma questo non esclude ovviamente l’utilizzo del piede perché se le squadre, come è successo l’anno scorso, si adeguano al nostro schema di gioco significa che si scoprono nella porzione di campo dietro le linee di difesa. Dobbiamo riuscire a far capire ai nostri registi di mixare il gioco alla mano e quello al piede perché il concetto è sempre lo stesso, bisogna avanzare e mantenere il possesso”.

Quale sarà invece l’apporto del nuovo skills coach Corrado Pilat per ciò che riguarda gli avanti? “Con gli avanti un po’ meno perché al momento si sta concentrando su tutto ciò che riguarda il gioco al piede, quindi una necessità visto che sfortunatamente qualche partita l’anno scorso è stata persa per aver mancato 3-6 punti al piede relativamente facili. “Relativamente” perché poi durante gli 80’ la palla diventa pesante e la distanza ai pali cresce”.

Nessun commento finora.

Leave a Reply

Puoi usare questi tags <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla nostra newsletter

Accetto i termini e le condizioni sulla privacy*.
Accetti la memorizzazione dei tuoi dati?

Top

Privacy Preference Center

STATISTICHE

_ga,_gid,_gat

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagisc ono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

GDPR

gdpr[allowed_cookies],gdpr[consent_types]

GDPR Utilizziamo questi cookie per abilitare o disabilitare la posssibilità di essere profilati dai cookie stessi, questi cookie fanno parte del plugin studiato appositamente per rispettare la normativa vigente GDPR dal 25/05/2018

MARKETING

NID,r/collect

Set di Cookie per fornire una serie di prodotti pubblicitari come offerte in tempo reale da inserzionisti terzi.